Intervista a Marta Leandra Mandelli

Ciao a tutti, intanto volevo ringraziarvi per la bella esperienza di ieri a Trezzo sull’Adda, c’era tanta gente, un bellissimo posto e presentare il mio libro in compagnia di Giuseppe Pasquali è stato non solo un piacere, ma anche un onore. Ieri a Trezzo ho visto sempre con piacere i libri di Marta Leandra Mandelli che oggi è ospite del nostro piccolo spazio dedicato agli altri autori (molto spesso si dice che noi autori siamo troppo competitivi e coltiviamo solo il nostro orticello, io non so bene cosa fanno gli altri, ma sicuramente non è il mio caso. Come dico sempre io sono competitivo solo se sono in una gara, altrimenti sono molto contento dei successi degli altri come fossero i miei).

 

– Ciao Marta, noi ci siamo incontrati per la prima volta a Pandino, in occasione  della seconda edizione del Pandino Fantasy Festival, dove ho potuto assistere alla presentazione del tuo romanzo Oltremondo: L’orizzonte delle dimensioni uscito per Edizioni PerSempre, ma non c’è stato molto tempo per parlare allora ne approfitto adesso e ti chiedo, se ti va, di presentarti brevemente per chi ci legge? Magari parlandoci di te come persona e di te come scrittrice, se c’è una differenza qual è?

Ciao Davide, piacere di ritrovarti dopo Pandino!

La passione per la lettura mi ha avvicinata ai libri fin da piccolina. Ho iniziato con Agatha Christie e successivamente mi sono innamorata del genere fantastico, anche fantascientifico. Mi piacciono le storie, sono più che altro una lettrice di narrativa.

Marta Leandra Mandelli

Marta Leandra Mandelli

Il “colpo di fulmine” per la scrittura è avvenuto solo di recente: ho iniziato a scrivere il mio primo romanzo, nonché primo volume della saga di Oltremondo, nel 2009. Da quel momento, è come se fossi entrata in un nuovo mondo, che si ingrandiva ogni volta che vi dedicavo un pensiero, o anche solo un’allusione. La mia creatività è in divenire, così come il mio percorso in questa avventura è solo all’inizio. Ciò nonostante, al momento ho pubblicato i primi due capitoli della mia saga e ho un altro romanzo in valutazione, nonché qualche articolo per Kultural.eu e un racconto di fantascienza per La Mela Avvelenata. Ne sono molto felice e spero di andare avanti a “lasciarmi andare” e immaginare nuovi intrecci. La scrittura fa parte di me, anche se ha il suo costo in termini di tempo, fatica e paranoie, ma è una parte che mi tengo stretta. Adoro il momento in cui attorno a me non c’è più la realtà come siamo soliti concepirla, e mi ritrovo nelle ambientazioni che mi sono tante care.

 

– Ti va ora di presentarci il tuo romanzo che, se non sbaglio, è già al suo secondo volume?

Il ciclo di Oltremondo al momento consta di due romanzi consecutivi: Petali di rosa e fili di ragnatela e L’orizzonte delle Dimensioni. È affine al genere urban fantasy, in cui l’azione si svolge in parte in versioni alternative di Milano, e in parte a Oltremondo che al contrario è uno scenario propriamente fantasy. La saga è incentrata su Siobhan, la protagonista, e soprattutto all’inizio segue passo passo ciò che le accade. Siobhan non è una ragazza come le altre, e la scoperta di possedere doti magiche e di provenire da un’altra dimensione sconvolgono la sua vita, ma non solo. Infatti anche Rowan e Ian, i suoi migliori amici, e Adrian, il ragazzo di cui si innamora perdutamente, condividono lo stesso destino. Oltremondo, la dimensione che regge le sorti dell’universo, è in pericolo e i ragazzi devono tornare e affrontare una guerra all’ultimo sangue, in cui la magia detta le sorti del futuro. Tuttavia, affrontare il Traditore non è la prova più difficile: a Oltremondo li aspetta la loro vera identità e la scoperta di se stessi li condurrà in un vortice di tensione e disincanto. L’avventura non è fatta solo di combattimenti e rivelazioni, ma anche di ciò che accade nell’intimo dei personaggi, attraverso le loro emozioni e la presa di coscienza di quale sia il loro posto nel mondo.

Il primo romanzo conclude l’inizio della saga, ma resta aperto per il seguito che, a sua volta, prelude al terzo e

Petali di rosa e fili di ragnatela

Petali di rosa e fili di ragnatela

conclusivo romanzo. L’orizzonte delle Dimensioni conduce i protagonisti in un viaggio attraverso alcuni dei mondi possibili, alla ricerca di alleati e manufatti magici. Lo stesso vale per gli antagonisti, che si preparano a vendicare i “torti” subiti. Questo capitolo, come suggerisce il titolo, fonde fantasy e fantascienza: mi sono divertita a immaginare altre versioni di Milano, in cui questa volta la città può essere una metropoli del futuro o addirittura una città distrutta. Tra fantasia e realtà, si scoprono nuovi dettagli di Oltremondo e dei misteri che ancora avvolgono l’intera vicenda. Sia i protagonisti che gli antagonisti sono messi a dura prova e non sempre i confini sono netti. È solo grazie alla forza d’animo che possono lottare per ciò che sta loro a cuore.

Quando sembra che la storia volga verso la pace e la concreta possibilità di un futuro felice, accade l’irreparabile e… il lettore dovrà pazientare fino al prossimo romanzo! Scherzi a parte, non è facile raccontare Oltremondo in due parole, specialmente L’orizzonte delle Dimensioni. Ho volutamente introdotto molti argomenti e riflessioni, tra cui la paura, l’amore, l’amicizia, l’inganno, la follia e alcune tematiche ambientalistiche. Sono romanzi che si prestano a livelli di lettura oltre alla trama e che danno ampio spazio al carattere dei personaggi.

– Qual è stata e qual è la tua esperienza col mondo editoriale italiano? Io ho avuto l’impressione che ci sia molta autoreferenzialità, sei d’accordo con me?

Il nostro paese sta attraversando un periodo di grande difficoltà, non solo economica; il mondo editoriale si inscrive perfettamente in questo ambito. Stiamo attraversando un momento di grandi cambiamenti, in cui ognuno cerca di tenersi stretto il proprio pezzetto di mondo. In senso generale, abbiamo creato una società di arroganti, di persone che si beano di titoli e nomi che non contano nemmeno la metà di dieci anni fa e che, spesso e volentieri, non sono indice dell’eccellenza che millantano. Per contro, tornando al discorso letterario, spesso e volentieri le abilità artistiche, o presunte tali, non fanno che alimentare un’autostima a caccia di consenso. A volte, gli scrittori dimenticano che il loro lavoro si fonda sulla comunicazione, sulla condivisione di un’idea, e non solo sull’euforia che suscita la creazione di qualcosa che non esiste.

Credo che una riflessione sul mondo dell’editoria dovrebbe comprendere anche la deriva che sta prendendo il nostro sistema scolastico, che fatica a tenere il passo con i tempi.

Finché continueremo a credere che il piacere della lettura sia solo per i “nerd” e che la cultura sia solo noiosa, la crisi del sistema non passerà mai e chi ci rimetterà alla fine saremo solo noi.

 

– Nella tua presentazione a Pandino sono due gli aspetti che mi hanno colpito favorevolmente: l’estetica e la tua visione dell’amore. La prima perché non è un elemento che si ritrova comunemente negli scrittori che parlano dei propri romanzi e la seconda perché è la prima volta che sento parlare di amore in una maniera diversa da quella che comunemente ci viene presentata e che è molto simile a “Va’ dove ti porta il cuore”. Mentre l’amore di cui parlavi tu mi sembrava qualcosa di molto più serio e maturo. Ho sbagliato io a cogliere questi aspetti o sono realmente aspetti importanti del tuo romanzo? E se sì in che modo?

Sono assolutamente due aspetti molto importanti della saga. Riguardo all’estetica, mi è stato fatto notare che i miei personaggi sono tutti belli: ebbene sì, è proprio così e sarà lo stesso nell’inedito al momento in valutazione. La bellezza è una componente fondamentale nella storia dell’uomo, che continua a cercarla attraverso l’arte e la cura personale. La bellezza è attraente e spesso coincide con un’armonia delle parti che riverbera tutto attorno. Nella mia saga va di pari passo con il senso del meraviglioso, che i miei protagonisti provano a esempio per i loro innamorati, per la manifestazione della magia, per gli scenari o le architetture che mi sono divertita a immaginare.

L'Orizzonte delle dimensioni

L’Orizzonte delle dimensioni

L’amore è un’altra componente fondamentale e ho cercato di proporla sotto diversi aspetti. In senso più generale, la sfera affettiva è molto importante nelle nostre vite: da qui l’esigenza di darle rilevanza. Nel caso di Siobhan e Adrian, siamo nell’ambito del primo amore, appassionato e romantico. È l’amore puro, che sconvolge e in nome del quale nessun sacrificio è troppo grande. Accanto a questo tipo di amore, ho affiancato anche quello “sbagliato”: nasce dall’ossessione e travia la purezza in un sentimento morboso e negativo.

L’amore è anche il legame che intercorre tra esseri affini: i miei protagonisti sono molto uniti e la loro felicità dipende dalla felicità di tutti. Questo è il senso di amicizia che ho cercato di rendere.

Inoltre, esiste anche l’amore per tutti gli esseri viventi: Siobhan ha il dono di percepire la Vita e questo la unisce a filo doppio con essa, in tutte le sue manifestazioni. Non esiste benessere in un mondo distrutto, non esiste un futuro laddove la morte lascia un segno irrimediabile. Siobhan prova amore per il Creato e avverte la fortissima necessità di prendersene cura.

 – Il genere Fantasy presenta oggi molti sottogeneri etichettati in maniera abbastanza precisa, il tuo romanzo sotto quale etichetta rientrerebbe? E credi che questa sia una reale necessità o un vezzo del nostro tempo che ha bisogno di dare un’etichetta a tutto?

Come dicevo, inscriverei la saga di Oltremondo nel genere urban fantasy, tenendo presente del cross over con il fantasy classico e con la fantascienza. Credo che ultimamente si stia diventando un po’ ossessivi con le etichette, soprattutto quando si tratta di determinare se un romanzo è per ragazzi o per tutte le età. Sono consapevole che il regno del fantastico è molto vasto e, in qualche modo, bisogna pur orizzontarsi, ma a volte affibbiare una determinata categoria è svilente. Forse la penso così anche perché fatico a ridurre i miei romanzi al solo genere urban fantasy.

 – Per te scrivere cos’è? Una necessità, o un modo per emergere? Voglia di raccontare una storia o ricerca della bella scrittura? Desiderio di condividere un’emozione o la ricerca di un’emozione?

Su questa domanda si può scrivere un trattato!

Innanzitutto, scrivere per me parte da un’emozione, in genere riguardante il piacere di una storia o il senso di meraviglioso che provo quando mi viene in mente uno scenario. L’euforia del momento in cui “si accende la lampadina” e come per magia si srotola una nuova avventura è al limite dello stupefacente, nel senso chimico dell’accezione. Non mi stupirei se scoprissero che scrivere stimola la produzione di endorfine o chissà cos’altro! Quando la storia prende forma e diventa romanzo, condividerla diventa una necessità, almeno per me. Il mio editore mi ha fatto notare una bellissima metafora ideata dal mio scrittore preferito: S. King, nel suo romanzo L’ombra dello scorpione, crea il personaggio di un giovane sordomuto, la cui unica possibilità per comunicare è la scrittura. Penso che questo riassuma perfettamente la mia necessità di scrivere. Certo, costa fatica e ore di dedizione, ma mi sono accorta che quando sto lontana per più di un paio di settimane, ne sento la mancanza. Per il momento, ho sperimentato sulla mia pelle l’esigenza di scrivere: quando finii Petali di rosa e fili di ragnatela credetti erroneamente di prendere una piccola pausa. La settimana dopo stavo scrivendo il prologo del seguito. Terminato L’orizzonte delle Dimensioni accadde una cosa analoga: dopo pochi giorni mi sognai un episodio del nuovo romanzo, che nulla ha a che vedere con la saga di Oltremondo. La mattina seguente ero alle prese con il prologo… e così via! Per quanto stenti ancora a crederlo e rimanga a bocca aperta ogni volta che succede, credo che ci sia dentro di me un seme: più lo nutro e più cresce e diventa complesso. Ovviamente, sto parlando della mia micro dimensione di scrittrice sconosciuta ai più, ma nondimeno è fonte di gioia.

 – Cosa pensi delle recensioni on-line? Sono importanti o contano poco? Sono serie e competenti o spesso sono solo i giudizi di appassionati di un genere? E come pensi che si dovrebbe reagire di fronte a una recensione negativa?

Le recensioni on-line sono un mezzo per farsi conoscere. La mia saga è stata accolta favorevolmente dai blogger, anche da coloro che sono rimasti più tiepidi. Ovviamente, ne sono molto felice. Penso che davanti a una recensione negativa non ci si debba scoraggiare eccessivamente: ci sono molti elementi che contribuiscono al godimento di un romanzo e credo che la maggior parte siano soggettivi. È indubbio che ci sono degli “ingredienti” che rendono una storia particolarmente vicina al lettore, ma non è detto che siano per tutti gli stessi. Nessun best seller è piaciuto a tutti. Cerco di ascoltare le critiche quando sono poste in maniera educata e costruttiva, l’aggressività e i disfattismi gratuiti non servono a niente.

I recensori on-line svolgono un ruolo molto importante nella diffusione di un romanzo e, molte volte, riescono a raggiungere un pubblico più vasto di giornali quotati. Penso che contribuiscano ad avvicinare il libro alle persone. Tuttavia, c’è anche chi sovrastima il proprio parere, spesso credendosi un critico letterario quando è evidente che non lo è.

 – Se volessi dare un consiglio, naturalmente non richiesto, a chi oggi cerca la pubblicazione, quale sarebbe?

Accendi un cero alla Madonna!

Scherzi a parte, ci vuole umiltà, pazienza e costanza, e quando arrivi alla pubblicazione si è solo all’inizio!

 

Ti ringrazio per la tua disponibilità e ti auguro ogni fortuna editoriale, ma sopratutto tante soddisfazioni personali.

Grazi e a te Davide, è stato un piacere e un onore partecipare a questa iniziativa. Spero che anche per te il mondo dei libri riservi tante belle sorprese.

 

Annunci

2 commenti

Archiviato in Uncategorized

2 risposte a “Intervista a Marta Leandra Mandelli

  1. Grazie Davide! Grazie mille per questa bellissima intervista, spero di ritrovarti presto nei prossimi eventi libreschi. In bocca al lupo per gli elfi e buone magie 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...