Archivi del mese: giugno 2015

Daredevil

Ho finito di vedere la serie tv dedicata al Diavolo di Hell’s Kitchen e devo dire che mi è piaciuta. Ne avevo sentito parlare come quasi un capolavoro, ma non lo è, è però un buon prodotto. Molto violento, abbastanza rispettoso dei personaggi, con alcune chicche che solleticano i fans e non disturbano che scopre solo ora Matt Murdock. L’unica nota un po’ stonata è data proprio da Kingpin e la sua fidanzata Vanessa, sicuramente personaggi interessanti. Wilson Fisk (Kingpin) si rivela un avversario capace di stimolare interesse nello spettatore, ma la coppia presenta delle diversità non idifferenti con la sua versione fumettistica che un po’ stonano. Il tormento di Fisk e la crudeltà di Vanessa non si ritrovano nei fumetti di Devil che leggevo io (probabilmente si ritroveranno nei fumetti attuali che adattano tutto quello che esce al cinema o in TV sugli eroi senza preoccuparsi molto se è necessario e se ha senso farlo). Infine riflettevo che se al posto di Fisk ci fosse stato Merlyn o Ras Al Ghul o Luthor e al posto di Devil Arrow o Batman o Superman le dinamiche delle storie sarebbero cambiate poco. Insomma davvero un bel prodotto però, per fortuna, non perfetto e che forse subisce un po’ l’inflazione dei supereroi in TV e al cinema di quest’ultimo periodo.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Fumetti ieri e oggi

Quasi dieci anni fa spendevo quasi 200 euro di fumetti al mese, oggi a fatica riesco a comprare due/tre albi al mese per un totale di, forse, 12 euro massimo, ma credo che il prossimo mese la spesa sarà ancora inferiore perché ho scelto di tagliare una delle testate che seguivo.
Il problema non è economico, o meglio, sicuramente il fatto di avere famiglia adesso mi limita molto nelle spese, ma la realtà è che la cosa non mi pesa per nulla, anzi.
Dieci anni fa acquistavo quasi tutto quello che usciva, felice di immergermi in universi fumettistici dove tutto sembrava interconnesso e anche tu ti sentivi parte di una storia più grande di te. Oggi ci sono sì belle storie, o meglio belle narrazioni, ma sembrano tutte scollegate e se c’è un collegamento, stai sicuro che tempo dodici mesi tutto viene cambiato… nuovi universi, realtà alternative… insomma anche la mia sospensione dell’incredulità è diventata incredula…
Non credo sia neanche questione di qualità, alcune storie sono comunque di qualità anche oggi, ma penso che sia perché oggi il fumetto, o almeno il fumetto che seguo principalmente io e cioè quello supereroistico americano, sempre un’appendice di film, tv e videogiochi. Infatti se guardo Avengers, Agents of Shield e Devil o Arrow e Flash vi trovo proprio quello che nei fumetti ho perso… quel senso di essere parte di una storia più grande di te…
Non lo so, forse il problema è solo mio, sono cresciuto e il megaevento annuale non mi stupisce più o forse è qualcos’altro che mi sfugge, comunque sicuramente il mio portafoglio ringrazia… però una parte di me è dispiaciuta, un po’ disillusa… l’epoca delle Meraviglie su carta sembra essere finita…

3 commenti

Archiviato in Uncategorized